fbpx

Ambiente Sicuro 71 – Auto Elettrica: 5 cose che non piacciono

Data ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2021

Scegliere di acquistare un’auto elettrica non è una decisione semplice. Nell’articolo di oggi vediamo proprio 5 cose che non piacciono dei veicoli elettrici.

Anche nell’articolo Ambiente Sicuro di oggi continuiamo a parlare di veicoli elettrici, ma lo facciamo in modo completamente diverso alle ultime settimane. Se in queste occasioni ci siamo infatti concentrati sul dare consigli ai neofiti che hanno appena acquistato un’auto di questo tipo, sia per consumare meno che per aumentare l’autonomia della batteria, oggi ci vogliamo spostare in un momento temporale precedente, quello in cui si riflette se conviene o meno acquistare un veicolo elettrico. Inutile negarlo, la mobilità elettrica ha sia punti positivi che negativi ed è lecito avere dubbi. Abbiamo quindi deciso di affrontare tutto con onestà e schiettezza dedicando all’argomento una coppia di articoli appositi. Il primo, quello che stai leggendo, elencherà quindi 5 cose che proprio non vogliono piacere dell’auto elettrica.

Prima di iniziare, però, ti ricordo che ogni venerdì escono i nostri articoli dedicati all’ambiente e alla mobilità sostenibile e che per restare aggiornato ti puoi iscrivere alla nostra newsletter. Bastano due veloci clic ed è completamente gratuita!

ambiente sicuro 71 auto elettriche in ricarica

1 – L’autonomia

Se nelle ultime settimane abbiamo parlato così tanto di consumi ed autonomia è proprio perché questo è uno degli argomenti caldi quando si parla di auto elettriche… e non in senso buono. D’altronde chi è ormai abituato all’auto termica ritiene che un’auto elettrica farà al caso suo solo quando avrà la stessa autonomia di una diesel o benzina. Inutile negarlo, a oggi non è così e per chi fa tanti viaggi lunghi senza soste non può di certo fare affidamento su un’auto completamente elettrica. Certo, è un traguardo a cui, prima o poi, potremmo arrivare. La tecnologia delle batteria è in continua evoluzione e le potenzialità sono enormi, ma ad oggi tutto questo non è realtà. Inoltre è stato dimostrato dai molti “viaggi test” che, più che sull’autonomia, ci si dovrebbe concentrare sull’efficienza. Piuttosto che avere auto con autonomia doppia rispetto a quelle attuali, sarebbe meglio avere auto più leggere ed efficienti. In ogni caso l’autonomia è un punto di dibattito che non va mai banalizzato ed una criticità più che lecita.

2 – Il tempo di ricarica

L’altro fattore che viene sempre comparato con le auto termiche è il tempo di rifornimento/ricarica delle elettriche. Anche qui è inutile negarlo, la ricarica casalinga può durare anche molte ore e persino le ricariche ultra fast, che comunque hanno delle controindicazioni per la salute della batteria se usate troppo di frequente, durano oltre i 20 minuti, se non di più. Il confronto con i pochissimi minuti delle auto termiche è impietoso. Certo, ancora una volta si tratta semplicemente di una questione di abitudine. Le nostre auto passano tantissimo tempo parcheggiate ed un’organizzazione oculata può far combaciare questi periodi con i tempi di ricarica, ma è una fatica in più e, proprio per questo, è percepito come una criticità non da poco. Alle persone non piace cambiare le proprie abitudini e farlo richiede sempre del tempo.

ambiente sicuro 71 auto elettrica nella neve

3 – La paura per il freddo

In realtà avremmo potuto scrivere “per tutte le temperature estreme.” Settimana scorsa abbiamo parlato di come il caldo può influenzare le performance della batteria, ma il freddo è persino peggio per un’auto elettrica. Non solo perché preleveremo più energia per riscaldare l’abitacolo, ma anche perché le batterie stesse rilasceranno meno carica (per questioni fisiche-chimiche che non andiamo qui a spiegare). I costruttori, nel tempo, hanno cercato sempre più soluzioni a questo problema, come sistemi più efficienti per la climatizzazione o accumulatori meno sensibili alla temperatura, ma nessuna di queste si è rivelata decisiva e completa. In presenza di temperature fredde dovremo rassegnarci al fatto che percorreremo meno chilometri con un’auto elettrica.

4 – La necessità di un garage

Questo non è del tutto vero, lo ammettiamo, si può avere un’auto elettrica anche senza avere uno spazio privato, ma è un pensiero fisso nella testa di chi deve scegliere tra un’auto termica ed una elettrica e quindi ha senso inserirlo. Perché? Perché salvo casi estremi e costosi, avere un box, un garage, un posteggio privato con presa rende il possedere un’auto elettrica molto, molto più semplice e comodo perché potremo ricaricare la batteria nei momenti di fermo, senza temere che possa succedere qualcosa alla nostra auto. Non si parla solo di sbalzi di corrente o di multe, ma anche degli eventuali atti di vandalismo di quei simpaticoni che odiano le auto elettriche senza un vero motivo. Tutto questo senza considerare che i costi di ricarica casalinghi sono più bassi rispetto a quelli delle colonnine pubbliche e si può preservare meglio la salute delle batterie.

ambiente sicuro 71 batteria auto elettrica

5 – La durata della batteria

Parlando di salute delle batterie arriviamo così all’ultimo punto critico: per quanto uno tratti bene una batteria, è inevitabile che le celle si usurino e che questa prosegua nel suo ciclo vitale fino all’inevitabile fine. Una batteria al litio inizia il suo decadimento nel momento stesso in cui viene assemblata. Non esiste un vero prontuario del ciclo vitale di ogni batteria, ma possiamo fare riferimento alle garanzie, spesso di 8/10 anni o 160/250.000 km. Questo tuttavia non vuol dire che superati questi limiti la batteria non sarà più utilizzabile. Ci sono tanti esempi di auto elettriche vecchiotte con 200.000 km che ancora funzionano alla perfezione. L’usura è comunque un fattore che dobbiamo considerare nel tempo perché va a diminuire l’autonomia dell’auto e difficilmente un’auto elettrica potrà essere tenuta “attiva” per gli stessi periodi lunghissimi di alcune auto termiche. Insomma, se io mi affaccio alla porta di casa oggi ancora vedo qualche antica pandina girare per le strade (con dubbi effetti sull’ambiente, ma vabbé), ma un’auto elettrica odierna non potrà mai raggiungere quell’obiettivo di vita.

Chiudiamo l’articolo ricordando che Gori Ecofficina è anche EcoMotion, negozio dedicato alla mobilità sostenibile a 360° che cerca di promuovere questo stile di vita nella realtà locale di Grosseto. Se vuoi avere più informazioni, puoi contattarci sia tramite il sito che chiamandoci direttamente al nostro numero di telefono.

Grazie per aver letto il magazine Gori

Iscriviti alla nostra Email periodica.
Leggerai articoli interessanti (e pensati) per viaggiare informati.
Ogni iscritto riceverà il coupon con la PROMO stagionale.

* indicates required

Per te subito gratis

controllo battistrada e gonfiaggio gomme

Iscriviti alla newsletter “viaggiare informato” e SCARICA il COUPON
da presentare all’Accettazione di GORI officina.

* indicates required