fbpx

Ambiente Sicuro 69 – Auto Elettrica: 8 consigli per consumare meno

Data ultimo aggiornamento: 20 Agosto 2021

Se l’autonomia è una preoccupazione costante, oggi vediamo 8 consigli per consumare meno quando guidi la tua auto elettrica.

Uno dei dubbi più grandi e discussi, quando si parla di auto elettriche, riguarda la loro autonomia, soprattutto in vista di lunghi viaggi. Sarà sufficiente? Troverò una colonnina? Quanto ci metterò ad arrivare a destinazione? Se questo è un argomento sempre caldo, lo è ancora di più nei mesi estivi, rinomato periodo di vacanza. Non a caso è di questi giorni l’ennesima “polemica” in merito a opera del CEO di Volkswagen, poi prontamente smentita da BMW e Ford (trovi maggiori dettagli in questo articolo di vaielettrico). A tal proposito nell’articolo Ambiente Sicuro di oggi ritorniamo a fornire consigli a tutti i nuovi utilizzatori di veicoli elettrici e, dopo gli 8 per andare in vacanza in tranquillità, eccone 7 per consumare il meno possibile. D’altronde, come per le termiche, anche le auto elettriche hanno i loro piccoli trucchetti.

Prima di iniziare, però, ti ricordo che ogni venerdì escono i nostri articoli dedicati all’ambiente e alla mobilità sostenibile e che per restare aggiornato ti puoi iscrivere alla nostra newsletter. Bastano due veloci clic ed è completamente gratuita!

ambiente sicuro 69 peugeot e-2008 parcheggiata

1 – Scegliere il giusto modello

Pare un consiglio scontato, ma è così sottovalutato. Fai attenzione quando scegli l’auto da acquistare che questa abbia la giusta autonomia senza esagerare in eccessivi pacchi-batterie. Le batterie, infatti, pesano e neanche poco (almeno 3 quintali in media), senza contare che sono la parte che incide di più nel costo del veicolo. Come dicevamo nell’articolo in cui parlavamo della ricarica, per il 90% delle esigenze degli italiani basta un pacco da 50 kWh per un’autonomia di 350-400 km.

2 – Guarda quanto consuma la tua auto

Se ormai tutti sanno di dover fare attenzione all’autonomia delle batterie al momento dell’acquisto di un’auto elettrica, non tutti sanno che conviene controllare anche quanto consuma effettivamente il modello, così da confrontarlo alla concorrenza e vedere se c’é qualcosa di più conveniente. I dati forniti sono sempre in kWh/100 km e fanno tutti riferimento al WLTP come standard di omologazione. In media, di solito, si percorrono circa 4-7 km con 1 kWh.

3 – Quando scegli, fai attenzione al Suv

Che i Suv siano ormai di moda, non è certo un mistero e spesso vengono acquistati come seconda auto di famiglia per l’utilizzo cittadino. Tuttavia, se le maggiori dimensioni sono sicuramente un punto a favore, bisogna comprendere che il peso, l’aerodinamica e le ruote di diametro più grande fanno spesso sì che, a parità di percorso, si consumino molti più kWh. Per esempio, se confrontiamo la e-208 e la e-2008 della Peugeot, a pari batteria da 50 kWh, la prima arriva a 340 km di autonomia mentre la seconda si ferma a 320. Insomma, è una valutazione di cui tenere conto all’acquisto.

ambiente sicuro 69 frenata rigenerativa

4 – Sfrutta la frenata rigenerativa

La frenata rigenerativa è uno dei più grandi vantaggi dell’elettrico. In pratica, decelerando o frenando si genererà energia cinetica che verrà automaticamente riconvertita in elettricità per ricaricare la batteria. Uno stile di guida “dolce”, senza gli strappi secchi tipici delle auto tradizionali, permette di ottenere davvero tanto in termini di consumi. D’altronde, basta togliere il piede dall’acceleratore per far sì che l’auto “freni da sola” e ci permetta di ottenere una breve carica.

5 – Imposta la modalità ECO

Ancora più delle auto tradizionali moderne, le elettriche sono veri e propri computer su ruote e per questo possono aiutare un conducente consapevole a consumare meno impostando la modalità ECO per gli spostamenti cittadini. In che cosa consiste questa? Semplicemente nell’attivazione di alcuni limitatori alla velocità ed alla batteria che riducono la velocità di punta (che comunque difficilmente viene raggiunta nel traffico di città). Inoltre, sarà l’auto a “decidere” quanta potenza rilasciare in base a quanto premi sull’acceleratore.

6 – Monta gli pneumatici ed i cerchi giusti

In realtà questo è un consiglio valido (e trascurato) anche per le auto tradizionali. Scegliere le ruote ed i cerchi giusti per la propria auto riduce i consumi. Non servono gomme da Formula 1 o cerchi di grandi diametri, ma gli penumatici che hanno bassa resistenza al rotolamento generano meno attrito. Vaielettrico ha anche fatto una prova con la Ioniq 5 dove, a parità di batteria di 73 kWh, i cerchi da 19 avevano un’autonomia stimata di 481 km WLTP e quelli da 20 di 451 km WLTP. Gomme e cerchi vanno inoltre monitorati costantemente per verificare che sia tutto a norma, soprattutto a livello di pressione ed usura.

ambiente sicuro 69 abitacolo auto elettrica

7 – Occhio all’autostrada

Al momento l’autostrada è il peggior nemico per i consumi delle auto elettriche: si deve viaggiare a velocità costante e si frena pochissimo, riducendo praticamente a nulla i vantaggi della frenata rigenerativa. Per cercare di far sì che questo non pesi troppo sui consumi, è consigliabile impostare una velocità di 110-120 km/h che consente di procedere in sicurezza senza svuotare subito la batteria. Evita inoltre di usare la modalità ECO in queste situazioni perché avrai bisogno di tutta la potenza disponibile per eventuali accelerazioni richiesta da esigenze di sicurezza stradale!

8 – Non abusare dell’impianto clima

E’ risaputo, ma sottolinearlo non fa mai male: il condizionatore assorbe energia per funzionare, la stessa che manda avanti il motore delle auto elettriche. Abusarne vuol dire spesso penalizzare l’autonomia del veicolo senza un reale buon motivo. In molti modelli elettrici recenti è possibile trovare all’acquisto come optional delle pompe di calore al posto dei tradizionali impianti a resistenza, per ridurre il consumo energetico dell’impianto clima. Non sempre però è una spesa aggiuntiva conveniente. Alcuni modelli permettono persino di avviare a distanza un pre-condizionamento tramite app da sistema mobile. Questo fa sì che l’energia dell’impianto clima viene principalmente consumata mentre l’auto è in ricarica così da farci trovare gli interni alla temperatura giusta per la partenza.

Chiudiamo l’articolo ricordando che Gori Ecofficina è anche EcoMotion, negozio dedicato alla mobilità sostenibile a 360° che cerca di promuovere questo stile di vita nella realtà locale di Grosseto. Se vuoi avere più informazioni, puoi contattarci sia tramite il sito che chiamandoci direttamente al nostro numero di telefono.

Grazie per aver letto il magazine Gori

Iscriviti alla nostra Email periodica.
Leggerai articoli interessanti (e pensati) per viaggiare informati.
Ogni iscritto riceverà il coupon con la PROMO stagionale.

* indicates required

Per te subito gratis

controllo battistrada e gonfiaggio gomme

Iscriviti alla newsletter “viaggiare informato” e SCARICA il COUPON
da presentare all’Accettazione di GORI officina.

* indicates required